Ultime Notizie
Home / Notizie / Allagamenti zona industriale di Catania, sindacati: “Chiarezza sui finanziamenti”

Allagamenti zona industriale di Catania, sindacati: “Chiarezza sui finanziamenti”

“Convocazione non più rinviabile su questo e altri temi del Patto per Catania”

Che fine hanno fatto gli undici milioni di euro per la Zona industriale di Catania da spendere entro il 2019? E a cosa corrispondono i dieci milioni di euro che dovrebbero essere destinati alla stessa finalità, come si evince da alcuni articoli di stampa locale? Se lo chiedono gli esponenti di Cgil, Cisl, Uil di Catania a fronte degli ultimi allagamenti avvenuti a causa del maltempo nella Zona industriale.

Il quesito punta soprattutto a conoscere lo stato dell’arte sulla spesa dei finanziamenti, il reale cronoprogramma dei lavori e, non ultimo in ordine di importanza, la possibilità che agli undici milioni previsti già negli anni scorsi mentre era in carica la precedente giunta comunale, quando vennero effettuati sopralluoghi con sindacati e associazioni imprenditoriali, si possano aggiungere altri fondi. La situazione della Zona industriale rimane drammatica, sia per chi vi lavora che per chi ha deciso di investire in quella che dovrebbe essere un’aria privilegiata per le industrie catanesi. Purtroppo ogni anno lo scenario rimane sempre il medesimo: aree allagate, rischio di incidenti che aumenta esponenzialmente, e di conseguenza, reputazione in calo per la realtà industriali che volessero investire a Catania.

Crediamo che sia necessario abbandonare la logica delle soluzioni “tappabuchi” a disastri già avvenuti, e riprendere invece il nobile filo della concertazione su tutti i temi del Patto per Catania. In questo caso, il riferimento al destino attuale e a medio termine della zona industriale, era ed è ancora molto urgente. Chiediamo dunque all’amministrazione comunale di convocarci e di mettere i cittadini in condizioni di conoscere ciò che è stato fatto fino ad ora, nonché di chiarire alle rappresentanze sindacali scadenze e importi.

Faremo così la nostra parte nell’accompagnare in un contesto di concertazione democratica oramai non più rinviabile, le scelte dell’amministrazione comunale, per questo tema e per tutti quelli contenuti nel Patto, dove tante questioni annunciate sono irrisolte; tutto ciò, in un clima di rispetto dei ruoli e di interessi dalla parte dei cittadini.

Rmdn

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*