Ultime Notizie
Home / Notizie / Catania. Secondo contagio alla Pfizer, sindacati catanesi di categoria e confederali chiedono il fermo immediato dello stabilimento

Catania. Secondo contagio alla Pfizer, sindacati catanesi di categoria e confederali chiedono il fermo immediato dello stabilimento

“Il contagio – in alcuni casi – si è già allargato ai familiari dei lavoratori e altri lavoratori dello stabilimento di Catania sono in attesa dei risultati del tampone”

Un incontro urgentissimo in videoconferenza tra i vertici aziendali della Pfizer e Confindustria Catania, e il fermo immediato e totale dello stabilimento in attesa che il confronto venga realmente effettuato.
Lo richiedono le segreterie provinciali di Filctem Cgil – Femca Cisl – Uiltec Uil, e Cgil, Cisl e Uil di Catania alla luce del secondo contagio di Covid-19 verificatosi nello stabilimento che produce farmaci, in una lettera indirizzata alle direzioni di Wyeth Lerderle Srl (Gruppo Pfizer Catania), HR Pfizer Italia, Global Pfizer e Confindustria Catania. La direzione di Wyeth Lederle Catania aveva infatti informato la RSU della volontà aziendale di riavviare il lavoro dopo un solo giorno di stop già dal lunedì 23 marzo.

“Il contagio – in alcuni casi – si è già allargato ai familiari dei lavoratori e altri lavoratori dello stabilimento di Catania sono in attesa di risultati nei confronti del tampone per il Covid-19. Recentemente inoltre la RSU aveva chiesto misure cautelative come l’utilizzo delle mascherine, di considerare i contatti con gli isolamenti fiduciari, di adottare un’analisi più attenta dei flussi di personale allo scopo di ridurre assembramenti; misure adottate da Wyeth Lederle in colpevole ritardo, solamente allo scopo di adeguarsi ai decreti che man a mano si sono succeduti. Si chiede un fermo immediato e totale dello stabilimento nelle more che sia fatto l’incontro e faremo tutto quanto in nostro potere affinché venga tutelata la salute dei lavoratori oltre qualsiasi logica finanziaria e di profitto”.

Rmdn

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*