Ultime Notizie
Home / Notizie / Coronavirus. Senza tetto a Catania. Gulisano (Cgil): “Comune ci ha ascoltato, bene aree docce, ma a chi sono destinati i 50 posti letto?”

Coronavirus. Senza tetto a Catania. Gulisano (Cgil): “Comune ci ha ascoltato, bene aree docce, ma a chi sono destinati i 50 posti letto?”

Foto di Jimmy Chan da Pexels

In sospeso richiesta di dormitori per questo complesso periodo

Il Comune di Catania avvia finalmente un’area con bagni e docce appositamente ripristinata e destinata ai senza tetto e senza fissa dimora. La Cgil di Catania ha più volte manifestato l’urgenza di queste misure e oggi prende atto con soddisfazione dell’importante passo avanti nella lotta al Covid19 a difesa dei più deboli e a vantaggio della intera comunità, ma per il responsabile del Dipartimento Politiche abitative della Cgil di Catania, Dario Gulisano, “resta ancora in sospeso la richiesta relativa alla creazione di dormitori dove far trascorrere ai senza fissa dimora in modo dignitoso questo complesso periodo”.

A fronte della messa a disposizione di circa 50 posti letto così come comunicato dal Comune, “ad oggi non sappiamo se verranno predisposti per tutti in misura preventiva o soltanto per chi ha contratto il virus e non necessita di ricovero così come non abbiamo notizie sulla tempistica relativa alla consegna degli stessi. – prosegue Gulisano – Serve un ultimo slancio per poter permettere a chi non è nelle condizioni di poter rispettare le norme comportamentali inserite nei decreti anticoronavirus di porsi al riparo dai rischi del contagio, bisogna fare presto, da giorni a Catania piove, nessuno può rimanere per strada. Andrà tutto bene solo se non lasceremo nessuno indietro”.

RMDN

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*