Ultime Notizie
Home / FILLEA CGIL CATANIA: Bronte, protesta operai su tetto

FILLEA CGIL CATANIA: Bronte, protesta operai su tetto

Bronte, dieci operai edili licenziati protestano sul tetto di un cantiere per di arretrati e versamenti previdenziali. La protesta sospesa in attesa della convocazione dell’impresa in Prefettura
 
 
FILLEA CGIL CATANIA – Gli operai, già licenziati la primavera scorsa, chiedono il pagamento di sei mesi di paghe arretrate, ma anche due anni di versamenti in cassa edile in qualità di dipendenti "Dogi" ed altri due anni in qualità di lavoratori della "Pinzone"
 
Una decina di ex lavoratori della società edile "Dogi" di Bronte – ex Pinzone costruzioni – , hanno protestato oggi (24 settembre 2013) sopra il tetto del cantiere di via Emanuele Basile (a Bronte, nei pressi del numero civico 53).
Gli operai, già licenziati la primavera scorsa, chiedono il pagamento di sei mesi di paghe arretrate, ma anche due anni di versamenti in cassa edile in qualità di dipendenti "Dogi" ed altri due anni in qualità di lavoratori della "Pinzone".
Secondo il segretario generale della Fillea di Catania Claudio Longo e il segretario provinciale Salvatore Papotto che hanno affiancato i lavoratori nella protesta, il cambio di denominazione della società ha procurato nel tempo dei disagi agli operai che a distanza di tempo pagano un prezzo altissimo in termini di occupazione e reddito. Sul posto sono presenti carabinieri e vigili del fuoco.
"Chiederemo che la Prefettura convochi il datore di lavoro, visto che per noi, almeno fino a stamattina, è risultato irraggiungibile – dice il segretario generale della Fillea Cgil di Catania, Claudio Longo- I lavoratori sono scesi grazie anche alle garanzie di collaborazione che ci sono arrivate dalle forze dell'ordine. Gli ex dipendenti hanno bisogno di risposte precise. Altrimenti la protesta continuerà più forte di prima". Gli operai, già licenziati la primavera scorsa, chiedono il pagamento di sei mesi di paghe arretrate, ma anche due anni di versamenti in cassa edile in qualità di dipendenti "Dogi" ed altri due anni in qualità di lavoratori della "Pinzone". 
 
RMDN