Ultime Notizie
Home / Notizie / Notizie Categorie / Fiom Cgil Catania: 3Sun, le accuse di Fim Cisl Catania, risposta Segretario Fiom, Materia: “Non nascondetevi dietro il referendum”

Fiom Cgil Catania: 3Sun, le accuse di Fim Cisl Catania, risposta Segretario Fiom, Materia: “Non nascondetevi dietro il referendum”

Le accuse di Fim Cisl Catania sul caso 3Sun. La risposta del segretario Fiom, Materia: "Non nascondetevi dietro il referendum"
 
"Sono i lavoratori della 3Sun a voler cambiare la turnazione estiva durante il periodo di ferie. Una decisione condivisibile, poiché a causa delle deroghe al Contratto nazionale di lavoro contenute nell'accordo di start up avallato dalla Fim Cisl, e non firmato a suo tempo né dalla Fiom né da altre organizzazioni sindacali, la condizione dei lavoratori a turno risulta veramente insostenibile. Ecco perché respingiamo ogni accusa". 
Il segretario della Fiom Cgil di Catania Stefano Materia, intende replicare alle accuse lanciate sulla stampa dal segretario della Fim Cisl di Catania, ma ritenute "del tutto infondate" dal sindacato dei metalmeccanici catanesi della Cgil.
 
"Per comprendere perchè quell'assemblea non ha voluto continuare la consultazione bisogna chiarire che la Fiom Cgil di Catania ha piena consapevolezza delle esigenze dei lavoratori. In questa vicenda ci chiediamo come si possa avviare una contrattazione con la direzione 3 Sun per tentare una proposta complessiva pronta a trasformarsi in oggetto di referendum in uno solo dei suoi punti. È stato un errore pensare di scorporare uno dei 5 punti in discussione e trasformarlo in piattaforma, pensando di proporlo ai lavoratori come la soluzione alle fatiche del 20° turno estivo. E questo errore lo abbiamo commesso tutti. Non volerlo ammettere, da parte della Fim Cisl significa negare le proprie responsabilità e negare, soprattutto, che dietro un 'idea apparentemente valida possa nascondersi uno svantaggio – commenta Materia -. In questo caso inoltre, lo strumento del referendum, un po' come si è fatto in Fiat, serve a far passare deroghe e condizioni senza sporcarsi le mani e poter dire 'lo hanno voluto i lavoratori'. Il nostro ruolo ci consegna, invece, una responsabilità di rappresentanza ben diversa. Chiediamo dunque alla Fim CISL di non avallare la deroga ai contratti e il peggioramento delle condizioni di lavoro, nel tentativo di nascondersi dietro una condizione di disagio che deve certamente cambiare: quella dei turni troppo pesanti".
 
RMDN

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*