Ultime Notizie
Home / Storia Cgil Catania

Storia Cgil Catania

Quella della Cgil di Catania, sindacato che tutela lavoratori e disoccupati, è una storia che parte ad inizio secolo e arriva sino ai giorni nostri. Nel 1903, quando si affaccia per la prima volta alla vita attiva in città, la Camera del lavoro di Catania era ospitata a Palazzo dei Chierici. Passerà alla storia come una “camera defeliciana”, retta cioè da Giuseppe de Felice Giuffrida che a quel tempo era già stato eletto prosindaco. La Camera del lavoro si distinse per importanti battaglie proprio sotto la sua egida; ad esempio quella per la municipalizzazione del pane (fu prodotto al prezzo tra i più bassi in Italia) e per il controllo della Fedecommissaria di Palagonia, opera pia finita in mano a mafiosi palermitani.

Nel secondo dopoguerra nasce la Cgil che si spende per le lotte contadine, soprattutto a Bronte e nelle zone pedemontane. Dopo la Catania “Milano del Sud” degli anni ’60 e quella, gonfia di speranza degli anni ’90 con la nascita dell’Etna Valley, ma anche le vertenze difficili, come quelle legate al fallimento dei “Cavalieri del lavoro”, la Cgil ha accompagnato la città nel segno della tutela dei lavoratori, dei diritti, della legalità, dei giovani, dei pensionanti e dei migranti. Oggi la Cgil di Catania è impegnata contro una durissima crisi. Gli iscritti in provincia di Catania sono 85 mila. Attualmente il segretario generale della Camera del lavoro Metropolitana etnea è Giacomo Rota.

Gli sportelli della Cgil nel Catanese sono 27, forniscono informazione e tutela ai lavoratori. Si trovano ad Acireale, Aci Catena, Adrano, Belpasso, Biancavilla, Bronte, Barriera, Catania centro, Catania via Principe Nicola, Catania Librino, Calatabiano, Castiglione di Sicilia, Fiumefreddo di Sicilia, Giarre, Gravina di Catania, Linguaglossa, Maletto, Maniace, Mascali, Mascalucia, Misterbianco, Paternò, Piedimonte Etneo, Randazzo, San Giovanni La Punta, Santa Maria di Licodia, Tremestieri Etneo. Dal 1981 opera con successo anche una Camera del lavoro territoriale di Caltagirone, a copertura della zona calatina.