Ultime Notizie
Home / Notizie / Carmelo De Caudo è il nuovo segretario generale della Cgil di Catania

Carmelo De Caudo è il nuovo segretario generale della Cgil di Catania

L’ elezione è avvenuta stamattina nel Salone “Russo” in presenza di Maurizio Landini e Alfio Mannino

Con 98 voti favorevoli e 5 astenuti, Carmelo De Caudo è stato eletto stamattina nuovo segretario generale della Camera del Lavoro di Catania. De Caudo subentra all’uscente Giacomo Rota, da qualche giorno neo eletto segretario generale della Filctem Cgil Sicilia. Il nominativo di De Caudo è stato indicato dai centri regolatori del sindacato regionale e nazionale. Ai lavori che si sono tenuti in presenza nel salone Russo di via Crociferi e on line, con la partecipazione del segretario generale della Cgil Sicilia, Alfio Mannino e, via web, del segretario nazionale Maurizio Landini.

De Caudo ha iniziato la sua militanza nella Filt Cgil come delegato Alitalia nel 1995, ed è stato  segretario generale della Filt Cgil di Catania nonché  componente della segreteria regionale Filt Cgil Sicilia. Dal 2017 ad oggi è stato segretario generale dello Spi Cgil Catania.

Il momento dell’elezione di Carmelo De Caudo a segretario generale della Cgil di Catania

Nella sua dichiarazione programmatica, De Caudo ha parlato di Catania come di  “una città e di una provincia problematiche e complesse, con un vissuto storico difficile e con una drammatica crisi economica ancora in corso che affonda le radici anche nella mancata risoluzione della recessione internazionale che ha registrato il suo apice nel 2008. Catania da quella crisi non si è mai ripresa e come accade a certi malati in convalescenza, già indeboliti da malesseri pregressi, ha ricevuto una terribile batosta prima a seguito del dissesto comunale e poi a causa della pandemia.

La Catania delle nuove povertà la vediamo ogni giorno: è quella dei rider mal pagati, delle colf e delle badanti immigrate senza garanzie e senza diritti, dei lavoratori interinali che nei fatti sorreggono interi comparti industriali senza avere prospettive per il futuro, dei lavoratori degli appalti con poche garanzie, dei senza tetto in aumento, delle periferie con pochi servizi, degli anziani che non trovano i soldi per curarsi”.

De Caudo ha concluso: “dedicherò ogni energia alla “buona battaglia” della lotta alle disuguaglianze ed alla promozione dell’inclusione dei tantissimi lavoratori, pensionati, disoccupati e giovani che ormai vivono ai margini dei processi produttivi e, quindi, della società catanese. Ritengo, infatti, che l’impegno per l’inclusione e la lotta contro le disuguaglianze siano centrali per noi sindacalisti in un territorio come quello catanese, che può e deve svilupparsi e progredire, riscattando dalla marginalità e dal bisogno migliaia di nostri concittadini”.

L’abbraccio fra Giacomo Rota e Carmelo De Caudo

Giacomo Rota ha salutato la Camera del Lavoro con emozione e una dichiarazione di forte gratitudine ai compagni di cammino sindacale ed alla stessa Cgil con la quale “ho un debito che non potrò mai essere saldato; quest’ organizzazione ci da molto di più di quanto produciamo. E insegna a donne e uomini a crescere grazie ad un percorso irripetibile”.

Per il segretario Mannino, riferendosi alla scelta ricaduta su De Caudo, “siamo  in una fase di passaggio e abbiamo tenuto conto delle condizioni vissute da questa Camera  del lavoro e per questo abbiamo individuato una figura che potesse fare da guida solida e autorevole”.

“Abbiamo bisogno di utilizzare al meglio tutte le nostre capacità di ascolto e tenere unita la nostra organizzazione”, ha concluso Landini, congratulandosi con il neo eletto e con la platea dei votanti, e ringraziando calorosamente Giacomo Rota per quanto fatto.

Rmdn

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*