Ultime Notizie
Home / Notizie / Catania. Firmato il “Patto per la occupazione e il riassorbimento di maestranze portuali”

Catania. Firmato il “Patto per la occupazione e il riassorbimento di maestranze portuali”

“È un nuovo bacino di lavoratori in attesa di essere riassorbiti”

La Filt Cgil e la Uil Trasporti di Catania comunicano l’avvenuta sottoscrizione del “Patto per la occupazione e il riassorbimento di maestranze portuali”, ossia la creazione di un nuovo bacino di lavoratori in attesa di essere riassorbiti. L’accordo è stato firmato con il commissario straordinario dell’ Autorità di sistema portuale del mare della Sicilia orientale, l’ingegnere Alberto Chiovelli, e prevede l’impegno ad avviare un registro delle maestranze portuali non impiegate per effetto della dismissione di alcune linee di navigazione prevede a partire dall’aprile del 2018.

“Il registro sarà poi sottoposto alle imprese che operano in ambito portuale per acquisire l’impegno da parte di queste ultime ad attingere alla lista nel caso di nuove assunzioni – spiegano il segretario generale della Filt Cgil, Alessandro Grasso, e il segretario  della Uil Trasporti, Alfio Lauricella – .  Quest’accordo segna un traguardo importante che riguarda la ricollocazione di ben 80 persone”.

Sia i sindacati che l’autorità di sistema condividono che in caso di richiesta di assunzione il lavoratore sia obbligato ad aderire al registro, pena l’esclusione stessa dalla lista. L’accordo vale anche in caso di assunzione a tempo determinato; sarà inoltre rispettato il criterio di anzianità all’interno di ciascuna qualifica per stabilire l’ordine di priorità con la quale attingere dal registro in caso di assunzione. L’ Autorità inoltre sottoporrà alle organizzazioni sindacali una proposta di eventuali criteri aggiuntivi basati su carichi familiari o su valutazione dei titoli. 

Infine, l’Autorità di sistema portuale si è impegnata ad avviare  un’analisi relativa ai servizi generali nei Porti di Augusta e di Catania per pervenire alla definizione di una procedura di evidenza pubblica per l’affidamento dei servizi, che prevede la clausola di utilizzare lavoratori facenti parti del registro secondo criteri che verranno condivisi con le stesse organizzazioni che rappresentano i lavoratori, anche tenendo presente le varie scadenze degli ammortizzatori sociali.

Rmdn

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*