Ultime Notizie
Home / Notizie / Catania. Nuova stagione Teatro Stabile, SLC CGIL “perplesso” sulle dichiarazioni della direzione

Catania. Nuova stagione Teatro Stabile, SLC CGIL “perplesso” sulle dichiarazioni della direzione

Patané (a sinistra) e Tabita

“Poche nuove presenze sul palco e nessuna discontinuità col passato”

La SLC Cgil di Catania esprime “perplessità” a proposito delle dichiarazioni rilasciate in conferenza stampa lo scorso 21 settembre dalla direttrice del Teatro Stabile di Catania, Laura Sicignano. In particolare, il segretario generale Gianluca Patanè e il responsabile del Dipartimento artiste e artisti, Luigi Tabita, sottolineano che “a fronte di una narrazione idilliaca alla stampa, riscontriamo invece che i dati e le affermazioni riportate dalla direttrice sono differenti da quanto in nostro possesso”.

Ecco i dati che non convincono: “La direzione sostiene che sono state effettuate circa 200 audizioni, ma questo dato ci sembra molto alto visto il minimo riscontro  tra gli artisti del territorio catanese. Sono stati inoltre selezionati quasi tutti gli artisti dello scorso anno, e di questo siamo molto felici, ma sono pochissime le nuove presenze sul palco per la nuova stagione. La direzione non ha dunque  approfittato della possibilità che il Ministro dei Beni Culturali ha offerto quest’anno ai teatri – per riparare in qualche modo ai disastri  causati dal Covid- di poter evitare i criteri di continuità per creare nuovi posti di lavoro.

Tutto ciò non risponde, a nostro avviso, a quella costruzione di una relazione “armoniosa e trasparente con gli artisti del territorio”, affermazione della direttrice, visto che dopo tre anni dal suo insediamento la maggior parte degli artisti catanesi attende ancora di essere ricevuta”. Patanè e Tabita non riscontrano inoltre alcuna “discontinuità” con le direzioni passate, come invece sostiene la direzione del Teatro.

“Notiamo invece che l’unico spettacolo prodotto dal Teatro Stabile di Catania che farà la tournée nazionale più importante è “Baccanti” con la regia della direttrice Laura Sicignano. Come in passato, lo spettacolo che gira e che farà tante repliche avrà anche l’adattamento e la traduzione della direttrice, che ne ricaverà giornalmente anche i diritti d’autore. La maggior parte inoltre delle coproduzioni e degli spettacoli presenti in cartellone sono frutto di scambi con lo spettacolo della Sicignano,  e questo a noi appare in continuità con quanto fatto in passato.

Premesso che è tutto legittimo e la nostra intenzione non è quella di sentenziare giudizi artistici o morali, ci chiediamo se in un momento così complicato per i lavoratori non fosse stato più eticamente responsabile affidare quella regia o adattamento a qualche artista del territorio, visto che chi dirige il Teatro Stabile, a differenza di gran parte dei lavoratori, ha ricevuto uno stipendio per la direzione dell’ente anche durante il lockdown. La Slc Cgil si impegnerà  affinché nel contratto del prossimo direttore dello Stabile, qualora si trattasse di un artista, venga posto un  divieto di svolgere regie (se mai fosse un regista) o di recitare (se fosse un attore), onde evitare eventuali conflitti di interessi o scelte che a noi appaiono poco etiche”.

Rmdn

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*