Ultime Notizie
Home / Notizie / Catania. Oggi esecutivo Cgil on line: il punto sulla ripartenza insieme al segretario di Cgil Sicilia, Alfio Mannino

Catania. Oggi esecutivo Cgil on line: il punto sulla ripartenza insieme al segretario di Cgil Sicilia, Alfio Mannino

Rota: “Chi lavora da remoto rischia di diventare il nuovo lavoratore invisibile e di ingrossare quelle file di maloccupati catanesi che sono già troppi”

È stato dedicato alla ripartenza della Fase 2 e anche ai nuovi problemi imposti dallo “smart working”, l’esecutivo che la Cgil di Catania ha tenuto stamattina on line. All’incontro ha partecipato, oltre al segretario generale della Camera del Lavoro di Catania, Giacomo Rota, anche il segretario generale  della Cgil Sicilia, Alfio Mannino, che ha chiuso i lavori.

“Chi lavora da remoto rischia di diventare il nuovo lavoratore invisibile e di ingrossare quelle file di maloccupati catanesi che sono già troppi – ha esordito Rota -. Chi lavora da casa è privo di qualunque tutela, non può essergli garantita la sicurezza e non può contare su tempi di disconnessione chiari. La Cgil non chiede affatto un contratto apposito, ma una tutela compresa nei singoli contratti. Si dovrà arrivare subito anche ad una contrattazione per il lavoro agile negli enti locali”.

Non a caso il prossimo 13 giugno si terrà un esecutivo congiunto tra la FLC Cgil e la FP Cgil di Catania proprio sul tema dello Smart working (o presunto tale, visto che il semplice lavorare da casa non può definirsi in questa maniera) e quello parecchio spinoso della didattica a distanza, perché la partita più grande della ripartenza si gioca proprio sul fronte della scuola che oggi paga a caro prezzo gli errori di questi anni – compresi il fenomeno delle “classi pollaio” e l’innalzamento dell’età media della classe docente – e dei dipendenti della pubblica amministrazione. L’obiettivo sarà capire come si possano ripensare le attività, includendo anche la fase estiva.

Tra gli obiettivi, anche quello di considerare l’aumento dei carichi familiari del  71%, soprattutto per le donne. Proprio nei giorni scorsi è stata presentata  l’indagine  sul lavoro agile promossa dalla Cgil nazionale e dalla Fondazione Di Vittorio. Tra gli altri temi del direttivo, anche lo scoglio delle casse integrazioni in Sicilia, la sicurezza sul lavoro e gli infortuni Covid correlati, il nodo Sanità e il Patto per Catania, e le pressanti esigenze del welfare, delle industrie, del settore edilizia, dei call center e dei lavoratori dell’agricoltura.

Rmdn

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*