Ultime Notizie
Home / Notizie / Catania. Stato di agitazione per i 90 dipendenti della “Leonardo”

Catania. Stato di agitazione per i 90 dipendenti della “Leonardo”

L’azienda non vuole più investire nell’attività di progettazione e realizzazione di nuovi apparati nel comparto di Telecomunicazioni satellitari

La “Leonardo”  realtà industriale presente a Catania e attiva nell’alta tecnologia dei settori Aerospazio, Difesa e Sicurezza lo scorso 16 aprile ha comunicato ai sindacati  di non voler più investire nell’attività di progettazione e realizzazione di nuovi apparati nel comparto di Telecomunicazioni satellitari, ma di volerli acquistare sul mercato e di lasciare al sito etneo solo le attività legate al reparto di “System Satellitare”. Lo comunicano FIM CISL, FIOM CGIL E UILM di Catania che annunciano lo stato di agitazione. La RSU ha già chiesto un incontro urgente con la direzione aziendale e i segretari territoriali per ricevere risposte chiare su tutti i dubbi espressi in precedenza dai lavoratori dello stabilimento di Catania, e avere finalmente una visione chiara del Piano di Sviluppo della Leonardo.

L’azienda che si trova in contrada Torre Allegra ha aggiunto che i lavoratori dei laboratori (Antenne, RF, Meccanica) del sito di Catania, saranno ricollocati in altre attività di Ingegneria; una scelta che avrà come conseguenza l’inevitabile perdita  di competenze attive da oltre 42 anni nel settore. “I lavoratori si chiedono il perché di tutto questo – spiegano i rappresentanti sindacali -. Perché ad esempio i laboratori, le cui attività dovrebbero essere trasversali all’intera Ingegneria di Divisione, dovranno chiudere anziché essere utilizzate per le altre LOB della Divisione Elettronica? Qual è il piano industriale a sostegno della ridefinizione delle attività del sito di Catania?”.

Come se non bastasse, a causa di problemi riscontrati nello stabilimento, la Leonardo ha comunicato di aver dato mandato a LGS di ricercare una nuova sede di Catania le cui dimensioni non sarebbero però tali da occupare contemporaneamente tutti i lavoratori del sito di Catania. Da qui l’idea di ricorrere ad uno Smart Working strutturale, organizzato su rotazione del personale; un scelta che però coinvolgerebbe solo il sito di Catania. “Non ci è chiara quale sarebbe l’incidenza sui costi di gestione, di uno stabilimento atto ad accogliere tutti i lavoratori del sito di Catania – concludono FIM, FIOM e UILM -. Che senso ha pensare ad uno stabilimento piu’ piccolo, dal momento che la Divisione Cyber è in forte espansione al punto d’avere, da più di un anno, 26 lavoratori Off-load su un organico di 20 a tempo indeterminato? A tutti questi dubbi non possiamo rispondere che con lo stato di agitazione. Adesso aspettiamo risposte chiare”.

Rmdn

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*