Ultime Notizie
Home / Notizie / Confronto sindacati, parti sociali, Regione e Comune di Catania sul PNRR. Il resoconto

Confronto sindacati, parti sociali, Regione e Comune di Catania sul PNRR. Il resoconto

PNRR : tra potenzialità e criticità per costruire il futuro di Catania e provincia. Un identikit in chiaroscuro 

I lavori si sono aperti con la lettura a cura della segretaria confederale della Cgil, Rosaria Leonardi, di un “manifesto per la pace”, con un pensiero rivolto al popolo ucraino e alle forte preoccupazioni di queste ore. Per il resto i lavori organizzati stamattina dalla Camera del lavoro al Palazzo della Cultura sul tema: “PNRR : tra potenzialità e criticità per costruire il futuro di Catania e provincia” hanno svelato un identikit in chiaroscuro del Piano. 

In sintesi: i soldi per le azioni a favore della collettività ci sono, ma gli enti pubblici faticano a programmare, come dimostrano anche i continui slittamenti della scadenze dei bandi che riguardano occasioni importanti sia a livello sociale che di crescita economica.

La relazione di De Caudo: “Non si perdano le occasioni di sviluppo”

Con la sua relazione, il segretario generale della Cgil, Carmelo De Caudo, ha avviato il confronto sottolineando  la grande opportunità del PNRR che “ci mette tutti in una posizione di responsabilità storica. Per Catania e provincia lo stanziamento dei fondi del Piano nazionale ripresa e resilienza, ammonta a 186 milioni di euro.

Sapere leggere i problemi del territorio, se si fa sindacato in una città complicata come Catania, significa saper indicare eventuali soluzioni o almeno valide chiavi di lettura. Affinché non si sbagli, affinché non si perdano le occasioni di sviluppo”. 

Il pericolo però esiste. La Cgil guarda prima di tutto al Welfare e al suo inevitabile legame con la sanità pubblica ribadendo che il Distretto “Catania città” continua a non convocare gli incontri di concertazione. 

De Caudo si chiede “che fine faranno quei fondi non spesi che possono ancora essere rimodulati. A proposito del PNRR però, guardando alla Missione 5 come a quella che consentirebbe di integrare tutti gli interventi di rafforzamento dei servizi sociali , disabilità e marginalità che i comuni non hanno più potuto offrire per tagli ai trasferimenti, così come avvenuto per l’assistenza agli anziani e l’assistenza igienico personale, abbiamo chiesto a tutti di distretti sociosanitari, dove siamo presenti come CGIL e come SPI, di cogliere tutte  le occasioni di finanziamento così come recentemente avvenuto per la manifestazione di interesse pubblicata il 31/12/21, dall’assessorato alla famiglia proprio per la realizzazione del PNRR”. 

La Cgil annuncia dunque una stretta vigilanza “affinché tutti i bandi che si stanno esitando siano sempre al centro dell’interesse  dei 7 distretti del catanese” e chiede ancora con forza una medicina del territorio sempre più strutturata. “I PTA, ossia i Presidi territoriali di assistenza, non esistono ancora, eppure, quanto sarebbero stati utili in questa fase così delicata per la salute fisica e mentale di ogni cittadino”, ha aggiunto il segretario, che ribadisce la necessità di un rafforzamento dei consultori, necessari proprio ai cittadini più fragili, ipotizzando l’utilizzo dei finanziamenti del PNRR. E ancora, De Caudo ricorda la necessità di puntare sui quartieri, sul turismo e sulle reti museali senza dimenticare i trasporti e l’opportunità di utilizzare 235 milioni di euro previsti nel Pnrr, disponibili per l’ interramento delle ferrovie e permettere dunque il prolungamento della pista aeroportuale.

Ipotesi confermata durante i lavori dal sindaco facente funzioni Bonaccorsi.

“Ma la gestione dei fondi non sembra ancora avere raggiunto il giusto grado di responsabilità e consapevolezza da parte degli enti pubblici locali”, ha concluso De Caudo. 

I Comuni chiedono supporto

Per Anna Privitera, direttrice GAL Terre di Aci, “il PNRR è una grandissima opportunità per il settore pubblico e privato ma richiede uno sforzo massimo, per raggiungere i risultati, i target e le ‘milestones’ previsti dallo stesso programma. L’auspicio maggiore è che non si perda di vista il coinvolgimento degli stakeholder e della cittadinanza, tanto nella progettazione quanto nell’attuazione, e che si rispetti l’integrazione e la complementarietà degli interventi previsti. Diversamente, non si potranno ottenere cambiamenti significativi. Da mesi assistiamo ad un proliferare di bandi e chiamate a progetti ai quali i comuni del nostro territorio stanno cercando di partecipare con grandissimo sforzo degli uffici tecnici, già oberati delle mansioni di ordinaria amministrazione. Il Gruppo d’Azione Locale Terre di Aci sta svolgendo un importante ruolo di coordinamento e supporto operativo. Tuttavia, registriamo forte l’esigenza dei comuni di essere supportati con maggiori e qualificate risorse”.

La parola passa  dunque al sindaco facente funzioni Roberto Bonaccorsi che a proposito dei progetti legati alle Ferrovie ha  segnalato il suo disappunto rispetto a quella che lui ha definito “una velocizzazione della tratta ma nulla di più”

Sul fronte della  Palermo Catania e per giunta “sulla base di un progetto redatto 20 anni fa. Il cittadino di Catania non è dunque messo nella stessa condizione di un cittadino di una città del nord”. 

A Bonaccorsi la Cgil ha ricordato l’importanza dei 130 posti messi a bando dal Comune per assistenti sociali e personale competente sui temi della progettazione e l’ informatica, con la preghiera di poter costituire all’interno dei Servizi sociali un “Ufficio Piano”  e una Rete utile per la missione 5. Infine la Cgil ha ricordato al sindaco facente funzione che l’ unico distretto che non ha ottemperato alle linea guida del 2022 è stato proprio il distretto Catania. 

L’assessore regionale Razza. “Difficile programmare senza poter fare assunzioni”

L’assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza, ha invece posto l’accento sulle “case di comunità che in Sicilia saranno 50 grazie al PNRR e funzioneranno da filtro tra il territorio da una parte e i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta dall’altra”. Ma ha anche esplicitato la difficoltà di programmare per il PNRR in vista dell’impossibilità di provvedere a riempire di nuovo personale le eventuali nuove strutture.

Il segretario generale di Cgil Sicilia, Alfio Mannino, ha sottolineato che “per Catania come per ogni altro luogo riteniamo che sia fondamentale partire dai bisogni del territorio. Catania è una città con grandi potenzialità. Vanta un’agricoltura con forti tipicità e presenta potenzialità anche per quanto riguarda il turismo e ha un tessuto industriale con molte eccellenze, come nella farmaceutica e nell’high tech. Sotto il profilo economico ci possono essere prospettive di sviluppo ma per questo obiettivo occorre affrontare le criticità con grossi investimenti nelle infrastrutture, ad esempio nell’intermodalità, e nei settori strategici. In questa fase il ruolo delle istituzioni locali è fondamentale, a Catania come altrove. La nostra azione di sollecito  quindi continua. Nutriamo qualche preoccupazione sul fatto che l’attenzione delle forze politiche possa essere distolta dalle prossime scadenze elettorali e per il fatto che il sindaco di Catania sia attualmente sospeso. Auspichiamo tuttavia che ci sia un sussulto di orgoglio della classe dirigente per non perdere le opportunità che si offrono col Pnrr e con i fondi europei”. 

Il giudizio di Cgil Sicilia sulle scelte regionali sanitarie in tema di PNRR è comunque positivo.

L’assessore regionale al Lavoro, Antonio Scavone ha ricordato che in Sicilia i fondi PNRR saranno destinati soprattutto a misure di riqualificazione e formazione di disoccupati e percettori di sussidi. “Stiamo pensando alla profilazione, alla formazione e ai tirocini. – ha detto- E abbiamo messo in campo la ricollocazione collettiva. È nostro dovere intercettare senza traumi i lavoratori che transitano, o che saranno  costretti  a transitare, da un azienda all’altra”.

I lavori conclusi da Gianna Fracassi, vice segretaria generale della Cgil nazionale

“Quella sul PNRR non è una discussione tecnica ma straordinariamente politica; accade nel momento in cii si allocano le risorse, privilegiando  un aspetto piuttosto che un altro. Abbiamo 230 miliardi da spendere in 5 anni. Se noi non riusciamo a raggiungere i risultati, sarà il fallimento di tutti. Il rimpallo di responsabilità non funziona. Con le risorse di Next generation gli obiettivi sono chiari da due anni. Con questi soldi si possono fare molte cose particolari ma non possono essere usati per spese di rafforzamento degli organici pubblici, eccetto la progettazione a tempo determinato. Ma a medici, infermieri, insegnanti ci dobbiamo pensare noi”.

Tra gli invitati c’era anche Antonello Biriaco, presidente di Confindustria Catania, che però, nell’impossibilità di essere presente, ha inviato un messaggio:  

 “Il Piano di ripresa e resilienza offre una grande opportunità di sviluppo. Ma per trasformare le risorse disponibili in risultati concreti occorre mettere in campo una grande capacità progettuale. Senza una profonda riforma della macchina burocratica il Piano rischia di diventare un’opera incompiuta”.

RMDN

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*