Ultime Notizie
Home / Comunicati Stampa / Filcams Cgil Catania: alla Ergon “licenziato ingiustamente un lavoratore”

Filcams Cgil Catania: alla Ergon “licenziato ingiustamente un lavoratore”

Un rappresentante sindacale della Filcams Cgil di Catania, secondo il sindacato è stato “ingiustamente licenziato“ dall’azienda Ergon, Società Consortile sita in contrada Piraino a Belpasso. Per questo motivo venerdì 29 luglio dalle 11,30 alle 14,30 si terrà un’ assemblea davanti i cancelli come segno di solidarietà e vicinanza al lavoratore che ha impugnato il licenziamento.

La Filcams Cgil di Catania ha denunciato l’azienda per comportamento antisindacale.

Ergon è una società del ragusano della grande distribuzione organizzata che rappresenta negozi a marchio Alta Sfera, Medial Franchising, società che ha acquisito punti vendita ex Abate, Ard.È una delle principali aziende della grande distribuzione e conta una propria piattaforma logistica a Belpasso dove operano circa 120 lavoratori.

Dalle sanzioni ingiuste al licenziamento

Da tempo la Filcams Cgil, insieme ai propri rappresentanti sindacali, cerca di regolarizzare posizioni contrattuali e situazione igienico sanitarie e su quest’ultima è stata costretta a segnalare agli organi competenti le situazioni carenti culminate in un incidente sul lavoro su un mezzo probabilmente non ben revisionato. Durante i mesi di confronto con l’azienda su questi temi, il rappresentante sindacale è stato più volte contestato ingiustamente e sanzionato fino all’epilogo del licenziamento.

Per Davide Foti, segretario generale della Filcams Cgil di Catania e per Giuseppe Agosta, segretario Filcams con delega all’azienda Ergon: “Un’ azienda che credevamo, rispetto alle sue dimensioni e al posizionamento nel territorio, rispettasse la dignità e diritti dei lavoratori e creasse condizioni di sicurezza ottimali, invece ci trova costretti a protestare a sostegno della vertenza aperta qualche mese fa su inquadramenti, organizzazione del lavoro e sicurezza ma soprattutto per sostenere il nostro rappresentante sindacale licenziato ingiustamente per fatti mai avvenuti e/o riconducibili alla verità.

Abbiamo anche presentato la denuncia per comportamento antisindacale al fine di ristabilire la legalità all’interno dello stabilimento e dunque per permettere a tutti una libertà democratica e sindacale che oggi Ergon cerca di oscurare; riteniamo strumentale che, non appena il sindacato abbia iniziato a denunciare le precarie condizioni igienico sanitarie, l’azienda abbia intrapreso modi e atteggiamenti contro la nostra rappresentanza sindacale, con atteggiamenti di violenza psicologica conclusasi con il licenziamento. La Filcams Cgil non lascerà alcun lavoratore da solo, lottando a tutela della dignità di tutti” .

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*